I 10 documenti che NON POSSONO MANCARE in un cantiere

Se sei il responsabile di un’impresa che sta iniziando una lavorazione in cantiere, ti starai probabilmente ponendo questa domanda: qual è esattamente la documentazione assolutamente necessaria in materia di sicurezza nei cantieri edili?

Queste righe vogliono essere un “vademecum” di quanto è necessario avere, a norma di legge, in cantiere per fronteggiare le richieste degli organi di controllo, del committente, della Direzione Lavori, del Coordinatore della Sicurezza e dell’impresa affidataria, qualora fossi in sub-appalto.

  • PSC – iniziamo dal Piano di Sicurezza e Coordinamento, documento redatto dal coordinatore della sicurezza in progettazione e rivolto a tutte le imprese del cantiere; indica i rischi presenti nel cantiere specifico. Il PSC parte dall’analisi delle fasi di lavoro del cantiere individuando, per ciascuna di esse, le misure di prevenzione e protezione che le imprese devono attuare durante lo svolgimento delle attività nel cantiere. Il PSC essendo redatto dal coordinatore della sicurezza esiste solo se nel cantiere sono previste 2 o più imprese anche non contemporanee.
  • Visura Camerale – documento che attesta che l’impresa è in possesso dei requisiti minimi tecnico-professionali per lo svolgimento dell’attività cui è stata chiamata a svolgere dal committente
  • DURC – Documento di Regolarità Contributiva; attesta che l’azienda è in regola con il pagamento dei contributi per i propri lavoratori e che questi siano assunti regolarmente e coperti dalle polizze assicurative contro gli infortuni (posizione INAIL).
  • POS – il Piano Operativo di Sicurezza invece viene redatto dall’impresa esecutrice e rappresenta il “biglietto da visita” della tua impresa; viene riportato l’organigramma aziendale delle figure preposte alla sicurezza e l’analisi dei rischi specifici cui l’impresa è esposta nello specifico cantiere e le misure di prevenzione e protezione che, in funzione dei macchinari, delle attrezzature o dei rischi specifici generati dalla tua attività, il datore di lavoro attua a tutela dei propri lavoratori.
  • Attestati di formazione (allegati al POS) documenti che dimostrano l’avvenuta formazione dei propri lavoratori. I lavoratori di una impresa edile devo seguire, con profitto, corsi di formazione in materia di sicurezza sul lavoro come stabilito dal D. Lgs. 81/08. Gli argomenti e la durata dei corsi di formazione dipendono dai rischi specifici che caratterizzano l’attività dell’impresa.
  • Nomina del Preposto(allegati al POS) documento che individua chiaramente la figura del preposto di cantiere (capo cantiere) con lettera di nomina per accettazione e relativo attestato di formazione per lo specifico corso dedicato al preposto.
  • Certificati di idoneità medica – attestato rilasciato dal medico competente comprovante l’idoneità alla mansione dei lavoratori presenti in cantiere.
  • Rischi fisici – documento di valutazione del rischio espositivo dei lavoratori ad agenti fisici quali rumore, vibrazioni o campi elettromagnetici. Il documento dovrà essere redatto a carico dell’impresa ed effettuato da personale competente mediante misurazioni strumentali sulle macchine e attrezzature utilizzate in cantiere.
  • Rischi chimici – documento di valutazione del rischio espositivo ad agenti chimici dei lavoratori quali sostanze pericolose, cancerogeni, mutageni o amianto. Le sostanze pericolose, cancerogene o mutagene possono trovarsi nei materiali utilizzati nel cantiere, ad esempio vernici, intonaci, smalti, cemento, materiali coibenti, fumi di saldatura, ecc, mentre l’amianto può annidarsi nell’edificio oggetto di lavori, soprattutto durante le opere di smantellamento dei pavimenti, impianti, demolizioni ecc.
  • Impatto acustico – Documento di valutazione di impatto acustico del cantiere nei confronti dei limitrofi ricettori e relativa autorizzazione in deroga rilasciata dal Comune di appartenenza.  Il documento è a carico dall’impresa affidataria e deve comprendere tutte le lavorazioni svolte anche dalle imprese in sub-appalto e redatto da tecnico competente in acustica ambientale iscritto negli appositi Albi Regionali