Dopo aver messo al bando le lampadine da 100 e da 75 watt, dal 1 settembre è ufficialmente scattato il divieto di vendita imposto dall’Unione europea delle lampadine da 60 watt.

La progressiva messa al bando dal mercato europeo delle tradizionali lampadine a incandescenza a favore di quelle a risparmio energetico come le fluorescenti compatte o a LED prevista dal Regolamento della Commissione n. 244/2009 del 18 marzo 2009 raggiunge così anche la terza tappa. Nel 2009 erano state dichiarate illegali le lampadine da 100 watt e lo scorso settembre quelle da 75. Ora anche le lampadine da 60 watt non potranno più essere commercializzate e il prossimo anno lo stesso destino toccherà a quelle da 45 watt, le uniche “lampadine di Edison” attualmente ancora legali.

Secondo la Commissione ambiente del Parlamento europeo la lampadina a incandescenza dovrà scomparire e  il lasso di tempo utile per sviluppare questa azione e’ stabilito tra il settembre 2009 e il 2012.
I calcoli dell’ Esecutivo Ue, hanno prospettato che se una famiglia media, sostituisce le lampadine ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte potra’ risparmiare da 25 a 50 euro all’ anno sulla bolletta.  Ripartendo tali percentuale in termini europei la somma che si potrebbe recuperare potrebbe andare dai 5 ai 10 miliardi di euro l’anno. Cifra da ridistribuire nell’ economia europea.