Mentre si attende la riapertura del maxi processo Eternit – prevista per la fine di settembre – l’amianto ritorna protagonista di un nuovo e importante filone giudiziario. Sono  infatti una dozzina gli indagati – tra capi di Stato maggiore e vertici della Marina militare italiana in servizio fino alla fine degli anni Novanta – per le ipotesi di reato di disastro colposo e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche nell’ambito dell’inchiesta avviata due anni fa dalla procura di Torino per 223 casi di marinai morti per mesotelioma pleurico o peritoneale, tumori riconducibili all’esposizione da amianto, in tutta Italia. L’iscrizione nel registro degli indagati  è stata confermata dal pubblico ministero Raffaele Guariniello, che coordina l’inchiesta. Per i magistrati piemontesi le morti sarebbero attribuibili alla presenza di amianto sulle navi della Marina Militare dove gli uomini avevano prestato servizio per anni.

Nei due anni di inchiesta gli investigatori e la Procura hanno raccolto tutti i casi sospetti e hanno ricostruito la storia lavorativa e sanitaria di ogni soggetto. Tra le vittime accertate vi sarebbero – secondo la Procura – anche molti uomini che avevano svolto la leva sulle navi: fuochisti, motoristi, caldaisti e, in particolare, chi prestava servizio vicino alle centrali termiche delle imbarcazioni che avevano coibentazioni in amianto.

Fonte: inail.it