Incentivi Inail 2016 alle imprese italiane per la sicurezza sul lavoro: chi può usufruirne e come fare per richiederli

Con una dotazione di 276.269.986 euro il bando ISI INAIL 2015, come riporta il sito Fasi,  intende sostenere progetti diretti a migliorare i livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro. Come ogni anno lo stanziamento è ripartito in budget regionali, mentre a caratterizzare la sesta edizione dell’iniziativa, come abbiamo già visto, è l’introduzione di uno specifico asse dedicato ai progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Secondo quanto stabilito dal bando Inail 2016 sicurezza sul lavoro, l’unico limite imposto dal bando è relativo alle aziende con un massimo di 50 dipendenti e che presentano richiesta di un contributo per l’adozione di modelli organizzativi. Questa nuova tipologia di progetti ammissibili si aggiunge a quelle già previste, relative al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori e all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.
Secondo quanto stabilito dalla norma de minimis, tutte le imprese richiedenti dovranno rispettare i limiti di contributi pubblici che possono essere ottenuti rispettivamente in base alla categoria lavorativa di riferimento ovvero:

  • Per il settore agricoltura 15.000 euro
  • Settore pesca e acquacoltura con 30.000 euro
  • Settore trasporto su strada 100.000 euro
  • Gli altri settori 200.000 euro

Potranno beneficiare del bando Inail 2016 sicurezza sul lavoro e promozione del benessere in ambito lavorativo tutte le imprese anche in forma individuale, che si trovano in tutto il territorio nazionale e che risultano iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Per riuscire ad accedere ai finanziamenti previsti dal bando Inail 2016 ed usufruire così degli investimenti sulla spesa per la salute e la sicurezza dei luoghi di lavoro, come si legge in Finanziamenti Europei, è necessario però possedere anche altri requisiti:

  • Essere nel pieno esercizio dei propri diritti
  • Risultare in regola su ogni obbligo contributivo previsto o anche assicurativo come stabilito dalla DURC
  • Non aver presentato e ottenuto ulteriore domanda di finanziamento per lo stesso progetto o altri contributi di natura pubblica ad eccezione di interventi pubblici di garanzia sul credito

L’importo dell’aiuto, pari al 65% delle spese ammissibili, può essere compreso tra un minimo di 5mila e un massimo di 130mila euro.

I progetti potranno essere presentati a partire dal 1° marzo e fino al 5 maggio 2016 attraverso il portale dell’Istituto. Dal 12 maggio 2016 le imprese che avranno raggiunto, o superato, la soglia minima di ammissibilità potranno accedere al sito INAIL per ottenere il proprio codice identificativo da utilizzare al momento di inoltrare la domanda online. Data e orari del click day, infine, saranno comunicati sul sito dell’Istituto a partire dal 19 maggio 2016. Sul portale è anche prevista la pubblicazione degli elenchi in ordine cronologico di tutte le domande inoltrate, con l’indicazione di quelle collocate in posizione utile per accedere all’agevolazione.

I finanziamenti saranno concessi, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle istanze, fino all’esaurimento dei fondi a disposizione di ciascun avviso regionale.

Scarica il pdf del Bando Inail: Presentazione ISI 2015_ucm_212833