Medicina del lavoro e sicurezza

Qualora, nell’ambito delle attività svolte dall’azienda, esistono dei rischi specifici a carico dei lavoratori, allora il Datore di lavoro deve necessariamente nominare il medico del lavoro che si occupa della sorveglianza sanitaria mediante appositi protocolli di visite periodiche.

Le attività svolte dai lavoratori che richiedono la nomina del medico de lavoro (rischi specifici), sono:

  • la permanenza al videoterminale per più di 20 ore settimana;
  • la movimentazione manuale dei carichi;
  • il lavoro notturno;
  • i lavori in altezza;
  • la guida di automezzi con patente superiore alla B;
  • il possesso di un arma per ragioni di servizio;
  • lavori che comportano una esposizione ad agenti fisici quali rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici;
  • lavori che comportano una esposizione ad agenti chimici quali polveri, sostanze chimiche pericolose, amianto, altre sostanze cancerogene o mutagene;
  • lavori che comportano una esposizione ad agenti biologici quali legionella, batteri ed altri

Il medico del lavoro è in possesso di determinati requisiti professionali come laurea specialistica e iscrizione ad appositi albi e partecipa, in maniera attiva, alla valutazione dei rischi aziendali in collaborazione con il datore di lavoro e il Sevizio Prevenzione e Protezione dell’Azienda, partecipando alle riunione periodiche previste, di norma, almeno una volta l’anno. Per questo visita i luoghi di lavoro periodicamente al fine di individuare a valutare tutti quei rischi che possono comportare, a carico dei lavoratori, l’insorgenza di malattie professionali.

La ALIS supporta le Aziende in tutti i casi sopra indicati nei quali c’è l’obbligo di nomina del medico del lavoro proponendo professionisti medici con specializzazione in medicina del lavoro, con la possibilità anche di effettuare visite presso l’azienda.