La terza edizione di “Io non ci casco – Manuale operativo per chi opera in altezza” è stata pubblicata sul sito Prevenzioncantieri.it, un manuale a cura del Dipartimento di prevenzione – Servizio prevenzione igiene e sicurezza ambienti di lavoro (SPISAL) dell’Azienda U.L.S.S. 15 “Alta Padovana”.

L’opuscolo è uno strumento utile per formare e informare i lavoratori e i datori di lavoro su tutti i rischi a cui si espone chi opera in altezza. L’obiettivo è ridurre l’incidenza delle cadute dall’alto e quindi di infortuni che ha spesso hanno conseguenze gravemente invalidanti se non mortali.

In questa edizione, che si presenta completamente rinnovata nella veste grafica e aggiornata nei contenuti con integrazioni che riguardano il D.lgs. 81/2008 e del D.lgs. 106/2009, e le più recenti indicazioni riportate nelle linee guida tecniche nazionali, il problema delle cadute dall’alto viene trattato in modo tecnico ma chiaro e con numerose illustrazioni.

Innanzitutto viene definito il problema del rischio di caduta da tetti e da coperture non praticabili, coperture quindi dove non è possibile camminare e che per la loro stessa struttura necessitano dell’adozione di una serie di misure di protezione specifiche quali:

  • “adeguati sistemi di accesso (ad esempio ponteggi, ponti su ruote, ecc.);
  • opere provvisionali (ad esempio ponteggi, camminamenti, reti sicurezza, ecc.);
  • Dispositivi di protezione individuali (DPI)”

Si sottolinea inoltre la necessità di provvedere ad allestire nei cantieri misure di protezione collettiva come l’installazione di ponteggi lungo tutto il perimetro dell’edificio oggetto dei lavori. Anche il montaggio dei ponteggi può rappresentare un rischio e il personale addetto all’installazione deve essere adeguatamente formato con apposito corso teorico-pratico e conseguimento di relativo attestato.

Vengono in ultimo illustrate le varie situazioni di rischio che un coordinatore per la sicurezza può trovarsi ad affrontare sia in cantieri che prevedono lavori su coperture non praticabili sia portanti che non portanti e le necessarie misure di protezione da adottare.
Per ogni caso si individuano procedure e metodi per eseguire una valutazione dei rischi completa e l’adozione di misure di sicurezza efficaci.

L’ultima parte del manuale infine è dedicata agli aspetti normativi e alla redazione di documenti quali il POS, Piano operativo della sicurezza, il Fascicolo con le caratteristiche dell’opera.

Per scaricare il pdf del manuale