Il ministro della Giustizia Alfano  sta valutando  l’introduzione di norme più severe per i reati contro l’ambiente attraverso l’estensione del decreto 231 sulla responsabilità amministrativa delle società.

Con il ministro Prestigiacomo stiamo valutando l’opportunità di presentare un disegno di legge di riforma organica sui reati contro l’ambiente. Il Governo – ha detto Alfano – vuole rafforzare il contrasto al crimine ambientale con l’inasprimento delle sanzioni per i trasgressori e con l’introduzione della responsabilità delle persone giuridiche per i reati ambientali commessi a vantaggio di enti e società”.

E’ quanto si legge a pagina 35 del Sole24 ORE del 26 novembre scorso, dove l’argomento viene approfondito con ulteriori dichiarazioni del ministro della Giustizia.

Per leggere l’intero articolo clicca qui.