Il datore di lavoro è obbligato a garantire la sicurezza dei lavoratori anche quando sono impiegati presso terzi. A questa situazione è dedicata la pubblicazione Attività esterne, valutazione dei rischi per attività svolte presso terzi realizzata dall’Inail –  Dipartimento tecnologie di sicurezza.

Il lavoratore che si reca fuori sede si espone a nuovi rischi, in un ambiente e in un’organizzazione che non conosce. Per garantire la sua sicurezza il suo datore di lavoro, detto datore di lavoro mandante dovrà adottare una serie di accorgimenti. Tra questi prima di tutto azioni di coordinamento pre accesso con il datore di lavoro ospitante, dal quale dovrà acquisire tutte le informazioni relative alle modalità di impiego e alle misure di sicurezza adottate.

La guida Inail elenca le responsabilità e gli obblighi sia del datore di lavoro mandante che dell’ospitante e passa in rassegna i possibili rischi che corre chi si trova fuori sede. Illustra quindi la valutazione dei rischi normati e non normati per attività svolte presso terzi, le schede di rilevazione, le buon prassi, le misure di protezione  la formazione dei lavoratori.

Attività che tipicamente vengono svolte fuori sede sono:  le manutenzioni, le installazioni dei montaggi, il post vendita, le verifiche e le ispezioni, le visite di controllo per le certificazioni.

Fonte: quotidianosicurezza.it